Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Prologo al Sinodo

Un inconsueto prologo al Sinodo che si aprirà fra qualche giorno in Vaticano; un’anticipazione fatta di festa e di preghiera, di testimonianze e di meditazioni: è stato tutto questo l’ottavo incontro mondiale delle famiglie, svoltosi a Philadelphia e concluso domenica pomeriggio, 27 settembre, da Papa Francesco, che ha celebrato la messa sul Benjamin Franklin Parkway davanti a circa un milione di persone.

Alla fine del rito l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia, ha annunciato che sarà Dublino a ospitare il prossimo incontro mondiale, fra tre anni. I precedenti si erano svolti a Roma nel 1994, anno della famiglia, a Rio de Janeiro nel 1997, ancora a Roma durante il Giubileo del 2000, a Manila nel 2003, a Valencia nel 2006, a Città del Messico nel 2009 e a Milano nel 2012.

Il momento più atteso, quello attorno al quale è stato costruito il viaggio papale negli Stati Uniti, cui si è poi aggiunta la tappa a Cuba, è dunque arrivato. Con la presenza di Francesco il lungo viale di Philadelphia si è riempito di suoni e di colori già dalla sera di sabato 26, quando si è svolta la veglia di preghiera, sempre con la partecipazione del Pontefice. E la messa domenicale è stata il momento culminante di una vera e propria festa della fede, per dire che famiglia è bello. 

dal nostro inviato Gaetano Vallini

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE