Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Primo passo
di un cammino difficile

· Per l’azione europea nel Mediterraneo ·

Il Consiglio europeo ha dato ieri il suo via libero politico all’avvio di un’operazione navale, sotto comando italiano, con l’obiettivo di mettere fine all’attività dei trafficanti di esseri umani, cioè a uno degli elementi dell’agenda presentata dalla Commissione per rispondere all’emergenza nel Mediterraneo.

Migranti tratti in salvo al largo di Lampedusa (Epa)

La decisione è giunta un mese dopo la morte di circa ottocento migranti al largo delle coste italiane, in quello che l’alto rappresentante per la Politica estera e di Sicurezza comune, Federica Mogherini, ha definito un tempo record per una risposta europea.

In attesa che in merito arrivi una risoluzione dell’Onu, l’obiettivo precisato da Mogherini è che le operazioni possano partire a fine giugno, dopo il vertice semestrale dei capi di Stato e di Governo del 25 e 26, preceduto dalle riunione dei ministri degli Esteri e di quelli dell’Interno. Prima di allora, l’agenda della Commissione dovrà trasformarsi in proposta legislativa per la quale sarà necessaria anche l’approvazione del Parlamento di Strasburgo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE