Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Prezzo del greggio in calo sui mercati internazionali

· Washington assicura che ci sono ancora ampie riserve di oro nero ·

Il prezzo del petrolio ha registrato cali generalizzati su tutti i principali mercati internazionali. A New York il light crude è sceso ieri a un minimo di seduta di 100,20 dollari al barile, in calo di 2,03 dollari. Anche il lieve rafforzamento del dollaro sul mercato dei cambi ha spinto al ribasso le quotazioni del greggio. Il Brent di Londra ha ceduto 1,78 dollari a 114,57 dollari al barile.

Il ministero del Petrolio iracheno ha reso noto ieri che le esportazioni petrolifere dall’Iraq hanno superato i 2,2 milioni di barili al giorno nello scorso febbraio. «L'Iraq sta costruendo la sua rete di esportazione sul fiume Shatt Al-Arab attraverso scali galleggianti, che potranno aumentare del 50 per cento la capacità di esportazione» ha reso noto il ministero iracheno. Baghdad produce attualmente 2,7 milioni di barili al giorno di petrolio.

Nel frattempo, il segretario al Tesoro americano, Timothy Geithner, ha assicurato che le riserve di petrolio a livello globale sono ampie e «se necessario potrebbero essere utilizzate». In un intervento al Senato, Geithner ha spiegato che «Stati Uniti e le maggiori economie hanno notevoli riserve strategiche di petrolio che potrebbero essere utilizzate se necessario per attenuare gli effetti di una grave carenza nelle forniture».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE