Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Preti
a tempo pieno

· È il Signore che chiama ·

Chi sono io sacerdote? Sono un chiamato da Dio: con chiamata singola, individuale, personale (io sì; tanti, migliori di me, no). Sono un consacrato da Dio: “ordine sacro”; consacrato a Dio, per cooperare all’opera più eccelsa: mirabiliter condidisti, mirabilius reformasti. Cristo, Uomo-Dio, eterno operante nel tempo, può e vuole pervenire a ogni uomo, fino ai confini della terra, fino alla consumazione dei secoli: efficacemente, si direbbe personalmente, si direbbe sensibilmente come conviene all’uomo composto di anima e di corpo che tutto percepisce attraverso i sensi.

Cristo vuole: conferire la Vita, la Grazia, e nutrirla e curarla e ridarla; insegnare, trarre a seguire lui, «rinnegando se stessi, portando la croce ogni giorno»: riordinamento del nostro disordine conseguenza del peccato originale; adempimento della volontà del Padre anche misteriosa, perfino penosa qui in terra; questa nostra croce offrirla al Padre attraverso il proprio sacrificio la cui offerta si ripresenta dovunque e in ogni ora nella messa; sacrificio offerto per noi, a nome nostro; quindi deve essere autenticato, ratificato da noi mediante la nostra croce proseguimento della Croce di lui: il nostro adimpleo (cfr. Colossesi, 1, 24); e per frutto di tutto questo, Cristo ci nutre — quasi si direbbe materialmente — di sé: «chi si ciba di me, rimane in me e io in lui»; «come il Padre vivente ha mandato me e io vivo per il Padre, così chi si ciba di me vivrà propter Me» (Giovanni, 6, 57.58).

Tutto questo qui sopra riassunto, è l’opera che il Signore affida al sacerdote. Cercando di approfondire tutto questo in spiritu humilitatis coram Domino, cioè meditandolo devotamente, concretamente fino alle estreme conseguenze pratiche; cercando di viverlo; cercando di rendersi capaci di tradere tutto questo al popolo: certo non restano quesiti circa “l’identità del sacerdote”, non restano dubbi né quesiti circa la necessità di lavorare sacerdotalmente “a tempo pieno”.

di Giuseppe d’Avack

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE