Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Prete per seguire
le orme del mio eroe

· A colloquio con il vescovo di Daejeon, Lazaro You Heung-sik ·

«Chi annuncia il vangelo non sta andando a un funerale, deve avere una faccia gioiosa» ci dice citando le parole del Papa monsignor Lazaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon.

Il vescovo Lazaro You Heung-sik

«Sono stato battezzato al primo anno di liceo, fui il primo della mia famiglia. Avevo sedici anni. Mi ha molto ispirato la figura di Kim Taegon, il primo sacerdote coreano morto a soli 25 anni e un mese, dopo aver avuto una vita molto avventurosa. Volevo seguire le sue orme. Fu così che dopo due anni mi sono trasferito nella grande metropoli, a Seoul, al seminario maggiore». Il Papa verrà proprio a Daejeon; un terzo dei martiri coreani sono nati in questa diocesi, spiega monsignor Lazaro You Heung-sik, la religione cattolica è entrata dalla Cina come scienza occidentale. Per oltre un secolo intellettuali coreani hanno studiato libri provenienti dalla Cina sulla dottrina della Chiesa cattolica. È attraverso la lettura di questi testi che è germogliato il desiderio di approfondire la nuova religione, al punto che quando il primo missionario, un sacerdote cinese, è entrato in Corea nel 1794 ha trovato già quattromila battezzati. Per la messa finale della Giornata asiatica, con Papa Ftancesco, il prossimo 17 agosto, ci aspettiamo circa centomila giovani.

da Daejeon
Cristian Martini Grimaldi

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE