Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Presentato il progetto della rete educativa internazionale

Una rete educativa internazionale che porti avanti i valori di solidarietà e di fratellanza per la costruzione di una società più umana. L’ha presentata il vescovo Marcelo Sánchez Sorondo, cancellerie della Pontificia Accademia delle Scienze, martedì mattina, 13 agosto, nella Casina Pio IV in Vaticano. il professor Enrique Palmeyro, uno dei responsabili del programma, ha spiegato che con questa iniziativa, scuole di ogni ordine e grado, private o statali, di tutto il mondo, si vincolano per condividere i progetti pedagogici, sociali e di tutela dell’ambiente, affinché siano come un faro perché i ragazzi dei luoghi più bisognosi possano avere il necessario per ricevere l’educazione e rimanere in piedi davanti alle sfide della vita. Questa nuova rete si ispira all’esperienza della Escuela de vecinos e della Escuelas hermanas di Buenos Aires, come ha ricordato il professor José María del Corral, direttore del programma Escuela de vecinos e Buenos Aires ciudad educativa, promossi nella capitale argentina durante l’episcopato di Bergoglio. «Abbiamo buoni giocatori nel mondo — ha detto — ed essi sono dei riferimenti per i giovani. Per questo abbiamo bisogno di loro per portare avanti la partita della vita che i giovani stanno giocando». Poi, il capitano della nazionale argentina, Lionel Andrés Messi, e il capitano di quella italiana, Gianluigi Buffon, attraverso il sito internet www.scholasoccurentes.org, hanno aggiunto alla rete la prima scuola argentina e la prima italiana. «Per me è stata una giornata molto speciale — ha detto Messi — è un orgoglio essere stato qui e aver conosciuto il Papa, anche perché è argentino». Anche Buffon ha sottolineato che «è una giornata molto speciale, che resterà impressa nelle menti e nei cuori di tutti noi per sempre». Alla presentazione sono intervenuti da parte argentina il presidente della delegazione Germán Lerche e il commissario tecnico Alejandro Sabella, da parte italiana, Giancarlo Abete, presidente della Federazione italiana giuoco calcio, e il commissario tecnico della nazionale italiana Claudio Cesare Prandelli.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE