Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Presentato il libro
che racconta la gendarmeria vaticana

In un affollatissimo Braccio nuovo dei Musei vaticani è stato presentato nel tardo pomeriggio del 19 ottobre il libro di Sandro Barbagallo e Cesare Catananti La gendarmeria vaticana. Dalle origini ai giorni nostri appena pubblicato dalle Edizioni San Paolo e recensito sull’Osservatore Romano del 19 ottobre. Alla presenza del comandante Domenico Giani e dei due autori sono intervenuti Giuseppe Dalla Torre e Andrea Riccardi, moderati da Alessandra Ferraro, sottolineando caratteristiche e novità del volume, basato in parte su documentazione inedita o poco conosciuta e larghissimamente illustrato. Hanno aperto la presentazione i saluti del direttore dei musei Barbara Jatta e del presidente del Governatorato, cardinale Giuseppe Bertello, insieme al segretario generale, il vescovo Fernando Vérgez Alzaga, anch’egli presente. A conclusione dell’incontro il prefetto della Segreteria per la comunicazione, monsignor Dario Edoardo Viganò, ha illustrato in anteprima alcuni spezzoni del documentario sulla gendarmeria che Cesare Cuppone ha realizzato per il Centro televisivo vaticano, quattro suggestive storie di membri del corpo, in occasione della data bicentenaria del 1816. Insieme a curiali, diplomatici, giornalisti, militari, hanno partecipato all’incontro il segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin, il sostituto, arcivescovo Angelo Becciu, il capo del protocollo della Segreteria di Stato, monsignor José Avelino Bettencourt, e l’organizzatore dei viaggi papali, monsignor Mauricio Rueda Beltz. Con loro, tra gli altri, erano presenti i cardinali Tarcisio Bertone, Angelo Comastri, Salvatore De Giorgi, Raffaele Farina, Julián Herranz, Giovanni Battista Re e Antonio Maria Vegliò, il comandante della Guardia svizzera, Christoph Graf, il presidente del Circolo San Pietro, duca Leopoldo Torlonia, il segretario di redazione e il direttore dell’Osservatore Romano.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE