Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​A uno spagnolo
il premio Rielo
di poesia mistica

È lo spagnolo Antonio Martín de las Mulas Baeza (Madrid, 1977) il vincitore del XXXVIII Premio mondiale Fernando Rielo di poesia mistica, assegnato il 13 dicembre 2018 all’Istituto Cervantes di New York. Presentando Viernes Santo (Venerdì Santo), opera premiata tra le 272 in concorso, la giuria ha spiegato che la voce dell’io poetico espressa dal testo è quella di Gesù sul Golgota, il quale, dall’alto della croce, quindi muovendo da una prospettiva unica, scorge la piccolezza del poeta, divenuto ora il tu lirico. Da quello sguardo, il crocifisso fa sua la situazione dell’uomo, con le sue debolezze e le sue paure. «Il mio sangue sta cadendo sul mondo, / il mio cuore vi sogna nella città eterna». L’opera — ha proseguito la giuria — rivela una grande attenzione alla solitudine e al dolore umano che il poeta assume partendo dalla disposizione totale del crocifisso che non è una vittima inerte, ma, al contrario, un operatore onnipotente. Perché la croce è trono, rocca inespugnabile, altare che salva. Si tratta di versi che esprimono un alto contenuto teologico, pieno di speranza salvifica, con Cristo che porta l’umanità al Padre: «Verrà come un torrente nei pendii/ come un vento che agita fronde verdi / aprendo tutta l’anima al grande amore del Padre». Di professione avvocato, Martín ha ricevuto vari riconoscimenti e le sue poesie sono state pubblicate in riviste letterarie e antologie.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE