Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Poveri e senza medicine

· Ricerca di Caritas italiana e Banco farmaceutico su un aspetto poco conosciuto della crisi ·

Aumenta in Italia anche la “povertà sanitaria”, cioè quella quota di cittadini che denuncia serie difficoltà nell’acquisto di medicinali, anche quelli con prescrizione medica.

Negli ultimi sette anni il numero di queste persone è cresciuto a livelli vertiginosi, arrivando a toccare il 97 per cento della popolazione. Il dato emerge dal dossier realizzato dalla Fondazione Banco Farmaceutico in collaborazione con Caritas italiana. Il rapporto è stato presentato questa mattina ed è frutto del lavoro svolto in sette anni dalla Fondazione Banco Farmaceutico che su tutto il territorio nazionale raccoglie — grazie alla Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco e alle donazioni aziendali — e distribuisce medicinali agli enti convenzionati che ne fanno richiesta. Tra questi le Caritas diocesane, il centro Astalli, la Comunità di Sant’Egidio solo per citarne alcuni, tutte realtà che intercettano il disagio sociale in “diretta”. Le categorie che fanno richiesta di medicinali sono ampie: dalle famiglie numerose agli anziani con pensione minima, fino agli immigrati, anche irregolari.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE