Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Poteri di polizia
all’esercito messicano

· Per sconfiggere la criminalità organizzata ·

Il presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, ha emanato un provvedimento che conferisce ai militari poteri di polizia, nonostante le molte obiezioni delle associazioni per i diritti umani. La legge per la sicurezza interna è stata approvata dal congresso e firmata dal presidente. Ieri è entrata in vigore con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. 

Reparti speciali dell’esercito messicano

Il presidente ha detto di essere consapevole della natura «particolarmente sensibile» del provvedimento «per la vita pubblica del paese» e che ne sospenderà gli effetti fino a una decisione della corte suprema sulla sua legittimità costituzionale. «Ciò non significa — ha poi precisato — che cesserà l’intervento della federazione in materia di pubblica sicurezza, in aiuto a quegli stati che ne abbiano l’esigenza». Di fatto, secondo gli esperti, la legge codifica comportamenti già in atto da oltre un decennio che riguardano raid, inseguimenti e arresto di sospetti. Il nuovo provvedimento allarga però le competenze dell’esercito specie nelle zone dove la polizia non riesce a controllare la violenza criminale.

Della violenza nel paese stanno facendo le spese anche molti giornalisti. Nei giorni scorsi Gumaro Pérez Aguilando è stato ucciso da uomini armati che hanno fatto irruzione nella scuola del figlio durante una festa per il Natale nello stato di Veracruz. Il giornalista, che si occupava della criminalità organizzata dei narcos, aveva ricevuto minacce e aveva chiesto di entrare nel programma di protezione del governo, secondo quanto affermato da Alicia Bremont, capo dell’associazione dei giornalisti indipendenti di Acayucan.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE