Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per portare sollievo
alla sofferenza dei bambini

· Videomessaggio del Papa per l’inaugurazione dell’ospedale pediatrico di Bangui ·

Il cardinale elemosiniere pontificio Konrad Krajewski ha inaugurato oggi, sabato 2 marzo, a Bangui, il nuovo Centro sanitario specializzato nella terapia per i bambini malnutriti e l’edificio ristrutturato del Complexe pediatrique, ovvero l’ospedale pediatrico della capitale, l’unico nella Repubblica Centrafricana. La ristrutturazione e l’ampliamento, realizzati per volontà di Papa Francesco, sono stati sostenuti anche da varie iniziative di solidarietà e di raccolta fondi, e affidati alla progettazione e alla cura dell’ospedale Bambino Gesù. Pubblichiamo il testo del videomessaggio inviato dal Pontefice e trasmesso in occasione della cerimonia inaugurale.

Il saluto al passaggio del Papa dinanzi all’ospedale pediatrico di Bangui durante il viaggio nel novembre 2015

Cari amici dell’Ospedale Pediatrico di Bangui,

con gioia saluto tutti voi nella festosa occasione dell’inaugurazione della nuova struttura sanitaria dedicata proprio ai bambini della Repubblica Centrafricana. Questa sede nasce con il sostegno dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù”, impegnato fin dalla primavera del 2016 nella formazione del personale medico e non solo. Mi auguro che possa diventare un centro di eccellenza, dove i bambini possano trovare risposta e sollievo alle loro sofferenze, con tenerezza e amore. Non dimentico! Conservo nel cuore gli occhi di dolore dei tanti bambini malnutriti che ho incontrato nella breve visita all’ospedale in occasione del viaggio nel vostro Paese.

E ricordo ancora le parole della dottoressa che mi era accanto: «Questi nella maggior parte moriranno, perché hanno la malaria, forte, e sono malnutriti». L’ho sentito io. No, questo non deve più accadere! La sofferenza dei bambini è senza dubbio la più dura da accettare. Il grande Dostoevskij poneva la domanda: «Perché soffrono i bambini?». Tante volte mi chiedo la stessa cosa: perché soffrono i bambini? E non trovo spiegazione. Solo guardo il Crocifisso e invoco l’amore misericordioso del Padre per tanta sofferenza.

Questa struttura che oggi viene inaugurata è un segno concreto di misericordia, che trova la sua origine nell’Anno Santo che ho voluto aprire in anticipo — il 29 novembre 2015 — proprio a Bangui. La prima porta di una cattedrale ad aprirsi è stata quella di Bangui, non quella di San Pietro. È stato un gesto che il Signore ha ispirato. Varcando la Porta Santa della Cattedrale, affermavo: «Bangui diventa la capitale spirituale della preghiera per la misericordia del Padre. Tutti noi chiediamo pace, misericordia, riconciliazione, perdono, amore». Mi piace pensare che quella Porta Santa sia ancora aperta e che il fiume di misericordia doni linfa vitale a questo Ospedale Pediatrico e a tutti coloro che vi lavoreranno. Ricordate sempre: «Esistono tanti segni concreti di bontà e di tenerezza rivolti ai più piccoli e indifesi, ai più soli e abbandonati. Esistono davvero dei protagonisti della carità che non fanno mancare la solidarietà ai più poveri e infelici» (Lett. ap. Misericordia et Misera, 17).

Perciò incoraggio tutti voi a svolgere la vostra opera di cura dei bambini, spinti dalla carità, pensando sempre al «buon samaritano» del Vangelo: siate attenti alle necessità dei vostri piccoli pazienti, chinatevi con tenerezza sulle loro fragilità, e in loro possiate vedere il Signore. Chi serve i malati con amore serve Gesù che ci apre il Regno dei cieli. Questo Ospedale ricorda a tutti noi che quello che stiamo vivendo «è il tempo della misericordia perché quanti sono deboli e indifesi, lontani e soli possano cogliere la presenza di fratelli e sorelle che li sorreggono nella necessità» (ibid., 21).

Cari fratelli e sorelle, esercitando la vostra professione medica, siate artigiani di misericordia!

Un deferente saluto rivolgo al Signor Presidente Faustin-ArchangeTouadéra. Saluto anche il Nunzio Apostolico monsignor Santiago De Wit Guzmán e la Presidente dell’Ospedale Bambino Gesù, Signora Mariella Enoc, che tanto si è spesa per quest’opera. E un saluto al Cardinale Konrad [Krajewski], che rende presente nel mondo la carità del Papa. Chi si prende cura dei piccoli sta dalla parte di Dio. Non dimenticate: chi si prende cura dei piccoli sta dalla parte di Dio e vince la cultura dello scarto! Possa questo nuovo Ospedale diventare modello e punto di riferimento per tutto il Paese. Ricordate: nell’ammalato c’è Cristo e nell’amore di chi si china sulle sue ferite c’è la via per incontrarlo!

Vi benedico! E per favore, non dimenticatevi di pregare per me! Grazie.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE