Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ponti, non muri

· All’Angelus il Papa ricorda il crollo a Berlino della barriera tra est e ovest e ai seminaristi raccomanda fraternità, preghiera e missione ·

«Ponti, non muri» ha chiesto Papa Francesco all’Angelus di domenica 9 novembre — venticinquesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino — invitando i fedeli riuniti in piazza San Pietro a pregare perché «si diffonda sempre più una cultura dell’incontro» capace di abbattere le barriere che ancora oggi dividono il mondo.

Il ricordo del crollo di quello che «è stato il simbolo della divisione ideologica dell’Europa e del mondo intero» ha dato al Pontefice l’occasione per rievocare il «lungo e faticoso impegno di tante persone che per questo hanno lottato, pregato e sofferto, alcune fino al sacrificio della vita». E tra queste Francesco ha voluto richiamare la figura di Giovanni Paolo ii, sottolineando il suo «ruolo di protagonista» nelle vicende che portarono alla caduta del Muro. «Non accada più che persone innocenti siano perseguitate e perfino uccise a causa del loro credo e della loro religione» si è augurato, ribadendo che «dove c’è un muro, c’è chiusura di cuore».

Anche in precedenza, parlando della festa della dedicazione della basilica lateranense, cattedrale di Roma, il Papa aveva rimarcato la necessità di «superare le frontiere dell’inimicizia e dell’indifferenza» attraverso la costruzione di «ponti di comprensione e di dialogo, per fare del mondo intero una famiglia di popoli riconciliati tra di loro, fraterni e solidali».

E alla fraternità Francesco aveva dedicato uno dei passaggi centrali del messaggio inviato ai seminaristi francesi impegnati in questi giorni in un pellegrinaggio a Lourdes, raccomandando loro di incentrare l’itinerario formativo anche sulla preghiera e sulla missione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE