Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ponti di speranza

· Conclusa la visita in Romania del cardinale prefetto della Congregazione per le Chiese orientali ·

La benedizione della prima pietra di una chiesa e di un centro pastorale che sorgeranno in un quartiere rom di Blaj è stato, domenica 1 ottobre, l’ultimo atto della visita del cardinale Leonardo Sandri in Romania. Si è così sintetizzato, in un gesto significativo, lo sguardo fiducioso rivolto verso il futuro che il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali ha a più riprese sollecitato nei quattro giorni del suo viaggio. Proprio in questo senso il porporato, nella divina liturgia pontificale celebrata poco prima nella cattedrale arcivescovile maggiore, aveva invitato a «seminare nella nostra vita quotidiana quella misericordia» che continuamente riceviamo dal Signore, a non rassegnarsi «al male e al suo dilagare». Il mondo, ha detto, «ha bisogno di testimoni credibili, di giovani capaci di scelte coraggiose del dono di sé», di uomini e donne impegnati «per una società più umana».

Il cardinale ha celebrato insieme all’arcivescovo maggiore, il cardinale Lucian Mureşan, al nunzio Miguel Maury Buendia, ai vescovi del sinodo e a più di cento sacerdoti. A loro e alla nutritissima assemblea di fedeli, nell’omelia ha ricordato gli anni delle persecuzioni e delle prigionie nei quali, nonostante l’oppressione del regime, «l’amata Chiesa greco-cattolica romena» è rimasta fedele a Dio e alla comunione con il successore di Pietro. La «debolezza umana» è stata «riempita dalla grazia». È proprio sulle orme dei martiri, ha detto, che si costruisce il futuro, che si diviene «segni dell’amore di Dio nel mondo».

Rispondendo, poi, alle parole di benvenuto e di augurio del cardinale Mureşan, il prefetto ha portato ai presenti «il saluto, l’incoraggiamento e la benedizione» del Papa: «egli — ha aggiunto — conosce il vostro desiderio ardente di poterlo presto abbracciare in queste terre e spera che arrivi il giorno perché esso si compia». Ha quindi fatto dono all’arcivescovo maggiore della medaglia del quinto anno di pontificato di Francesco, nella quale si richiama il tema dell’accoglienza dei migranti e dei rifugiati, una realtà che coinvolge anche milioni di romeni in Europa e nel mondo.

Il cardinale era arrivato a Blaj, capitale spirituale della Chiesa greco-cattolica romena, il giorno precedente. Qui, in mattinata, aveva partecipato a una riunione straordinaria tenuta per l’occasione dal sinodo dei vescovi. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

10 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE