Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ponti di fraternità
tra cristiani e sikh

· L’auspicio del vescovo segretario del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso ·

«Sia il cristianesimo sia il sikhismo hanno al centro della propria esperienza religiosa il tema della misericordia di Dio, della compassione, del servizio fraterno soprattutto verso i più poveri». Dunque è questo il «terreno concreto sul quale noi credenti di diverse religioni possiamo vivere uno spirito di collaborazione, di solidarietà», per «riscoprire insieme il gusto di fare del bene, dello spendersi per gli altri: per dirla con Papa Francesco, di operare una “rivoluzione della tenerezza”». È la convinzione espressa dal vescovo Miguel Ángel Ayuso Guixot, segretario del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, intervenuto nei giorni scorsi insieme a monsignor Santiago Michael, officiale del dicastero, al convegno di studio svoltosi a Pescantina, nel veronese, per rafforzare la conoscenza e la collaborazione tra sikh e cattolici in Italia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE