Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Polemiche
tra Frontex e ong

· Navi soccorso sarebbero usate come taxi dagli scafisti ·

È forte polemica tra Frontex e le ong impegnate nel Mediterraneo. Fabrice Leggeri, direttore dell’agenzia europea per le frontiere responsabile dell’operazione Triton, parla di «ong usate come taxi dagli scafisti» e le organizzazioni non governative rispondono parlando di campagna di discredito. 

Operazione di soccorso nel Mediterraneo (Reuters)

Secondo Leggeri, è un «paradosso» il fatto che è sempre più alto il numero delle operazioni di soccorso operate dalle ong nel periodo attuale che registra la maggiore quantità di mezzi pubblici mai dispiegata prima dall’Ue e dall’Italia. Eppure — sottolinea Leggeri — per un terzo dei soccorsi arrivano prima le ong. Leggeri lo spiega affermando che in troppi casi gli stessi scafisti sono praticamente in contatto diretto con operatori delle ong. E denuncia che, proprio per questo, si preoccupano di equipaggiare di meno le imbarcazioni, che tanto sanno che verranno «intercettate» presto e sicuramente. Il direttore lancia accuse precise: «Attraverso le testimonianze di migranti» si è riscontrato che «in alcuni casi gli scafisti danno telefoni ai migranti con i numeri delle ong». Non ha precisato a quali ong si riferisse, dicendosi pronto a fornire le informazioni all’autorità giudiziaria. E ha rivelato anche un altro particolare. Ci sarebbero, sempre secondo quanto emerso dalle testimonianze dei migranti, non meglio precisati uomini in uniforme che tengono contatti diretti con le ong: «Non la guardia costiera che addestriamo noi, ma uomini che controllano una parte del territorio libico a ovest di Tripoli».

Esiste una vera e propria «strategia» di istituzioni e media per screditare il lavoro delle ong nel soccorso ai migranti nel Mediterraneo. Ne sono convinti i responsabili dell’ong spagnola Proactiva Open Arms e di quella tedesca Sea-Eye, che ieri hanno tenuto una conferenza stampa a Roma.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE