Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Più investimenti europei in Africa

· L’auspicio dei partecipanti al forum di Vienna sulla cooperazione ·

Sebastian Kurz e Moussa Faki Mahamat con Paul Kagame e Jean-Claude Juncker (Epa)

Dirigenti europei e africani hanno chiesto ieri alle imprese del settore privato di investire di più in Africa, un continente che non ha bisogno di «carità» bensì di crescita, per poter tra l’altro regolare i flussi migratori. «Vorrei dire a coloro che rappresentano le nostre aziende: bisogna essere audaci, investire di più in Africa» ha dichiarato il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, in occasione di un forum sulla cooperazione economica tra Europa e Africa organizzato a Vienna. I ventotto paesi dell’Ue sono stati rappresentati a questa conferenza, che ha anche riunito tredici capi di stato e di governo europei e politici di 25 paesi africani. Circa 800 imprenditori di entrambi i continenti sono stati invitati a questo evento organizzato nell’ambito della presidenza austriaca del consiglio dell’Europa, che si concluderà alla fine di dicembre.

L’Europa rappresenta il 40 per cento dei flussi di investimenti diretti esteri in Africa e rimane il principale partner commerciale del continente con, secondo la commissione Ue, 243,5 miliardi di euro di scambi nel 2017. Ma «noi possiamo e dobbiamo fare di più» mobilitando «più fonti di finanziamento e incoraggiando le nostre imprese europee ad essere più presenti nel continente africano», ha aggiunto Juncker. L’obiettivo, come ha spiegato il presidente della commissione europea, è «contribuire ad attirare investimenti sia europei che africani e creare dieci milioni di posti di lavoro in Africa nei prossimi cinque anni». Traducendo le parole in azione — ha aggiunto — «abbiamo già adottato una serie di misure per far vivere le nostre ambizioni». L’Africa ha la più alta crescita demografica al mondo e nel 2050 una persona su quattro nel mondo sarà in Africa, mentre il cinquanta per cento degli africani avrà meno di 25 anni, hanno ricordato i partecipanti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE