Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Più forti del tifone

· Riaprono nelle Filippine trenta chiese distrutte dal cataclisma del novembre scorso ·

Tornano in funzione più di trenta luoghi di culto cattolici, che erano stati distrutti dal tifone Yolanda nel novembre 2013. 

Si tratta di parrocchie e cappelle di Samar e Leyte, le isole più colpite dal cataclisma. «La popolazione — afferma padre Emerson Luego, direttore della Caritas Manila per le regioni di Visayas e Mindanao — è davvero felice ed emozionata nel rivedere, dopo tanti mesi, le loro chiese di nuovo in piedi».

Ideato dalla Caritas Manila, il progetto di ricostruzione è partito all’inizio del 2014 e mirava a restituire alla comunità almeno trentotto chiese e cappelle danneggiate. Padre Luego annuncia che l’intenzione è quella di completare l’opera nell’arcidiocesi di Palo e nelle diocesi di Borongan e Calbayog prima del novembre di quest’anno. In tempo cioè per la visita che Papa Francesco ha in programma nel Paese asiatico per il gennaio 2015. Visita nel corso della quale — come riferito anche dal cardinale arcivescovo di Manila, Luis Antonio G. Tagle — il Pontefice porterà «solidarietà e speranza a coloro che sono sopravvissuti al tifone».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE