Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Più fedi una nazione

· Iniziative dell’arcidiocesi indonesiana di Semarang in una zona a maggioranza musulmana ·

Giacarta, 29. Rappresentanti di tutte le religioni si sono riuniti nei giorni scorsi a Kudus, in Indonesia, per un momento di festa organizzato dal Balai Budaya Rejosari (Bbr), organismo dell’arcidiocesi di Semarang, nello Java Centrale. 

Lo scopo — ha spiegato padre YB Haryono, direttore del Bbr — era festeggiare i settant’anni d’indipendenza del Paese e rafforzare le relazioni interreligiose della comunità», favorendo la cooperazione e dando così piena espressione alle molteplici ricchezze del Paese. Sullo sfondo anche la volontà di superare, insieme, le difficoltà derivanti dalla siccità, che ultimamente ha colpito l’Indonesia.
L’appuntamento — riferisce AsiaNews — è stato accompagnato da un gran numero di attività culturali della gioventù cattolica e protestante, danze “manipuren” degli indù e cortei buddisti e della comunità indigena. Anche la presenza musulmana è stata consistente. Conferenze a tema religioso sono state tenute da leader locali.

Il Balai Budaya Rejosari ha scelto come simbolo dell’incontro una canna di bambù, che, ha spiegato padre Haryono, «è simbolo dell’unità nazionale, in quanto le sue fibre rappresentano le diverse persone della società, che sono accettate in un unico corpo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE