Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Conoscere e proteggere i bambini migranti

· Appello congiunto delle agenzie umanitarie ·

Le lacune nei dati su rifugiati, richiedenti asilo, migranti e sfollati stanno gravemente mettendo in pericolo le vite e il benessere di milioni di bambini migranti lasciati soli, abbandonati a loro stessi e che per questo rischiano di cadere nelle mani di trafficanti senza scrupoli . È l’allarme lanciato da un gruppo di agenzie delle Nazioni Unite e dell’Unione europea (Unicef, Unhcr, Oim, Eurostat e Ocse) che sottolineano la necessità di un sistema di registrazione più completo quale condizione imprescindibile per salvare vite umane. Le agenzie mettono in luce le allarmanti lacune nella disponibilità, affidabilità, tempestività e accessibilità dei dati e delle testimonianze essenziali per comprendere come le migrazioni e gli sfollamenti forzati colpiscano i bambini e le loro famiglie. Per esempio: le informazioni sull’età — registrate a livello di enti locali — sono disponibili solo per il 56 per cento della popolazione rifugiata sotto il mandato dell’Unhcr; solo il venti per cento dei paesi e dei territori che hanno dati sulle persone sfollate interne a causa di conflitti scompongono questi dati per età, fornendo un quadro completo della situazione. E la stessa cosa può dirsi nel caso di dati riguardanti l’origine, il sesso e le relazioni famigliari. La mancanza di informazioni sui bambini migranti e sfollati priva i minorenni colpiti della protezione e dei servizi di cui avrebbero bisogno. «Abbiamo bisogno di dati affidabili e migliori sui bambini migranti, per proteggerli e garantire il loro benessere. La disaggregazione di dati per età, sesso e origine può fornire informazioni utili sui bisogni reali dei bambini migranti. Ciò assicurerebbe che nessun bambino venga lasciato indietro e che non venga sfruttato. Tutti i bambini migranti hanno diritto ad assistenza e protezione, a prescindere dal loro status migratorio» ha dichiarato il Direttore generale dell’Oim, William Lacy Swing. «Il tempo è essenziale quando si parla di integrazione nell’istruzione» ha dichiarato il direttore dell’Ocse per l’occupazione, il lavoro e le politiche sociali, Stefano Scarpetta. «Il successo o il fallimento degli aiuti, in questa età così vulnerabile, può avere ripercussioni durature sul mercato del lavoro. Soltanto con un’ampia conoscenza, supportata da dati adeguati, possiamo identificare e rispondere ai bisogni di questi bambini, proteggerli meglio e costruire un futuro sulle loro abilità e capacità, durante il loro percorso prima nel sistema scolastico e in seguito nel mercato del lavoro» ha detto Scarpetta.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE