Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pio XII restituito alla storia

· Modificata la didascalia al museo di Yad Vashem ·

«Finché tutto il materiale rilevante non sarà disponibile agli studiosi, questo tema resterà aperto a ulteriori indagini»: è forse questa, tra le righe, la vera novità sostanziale di un cambiamento che in poche ore ha fatto il giro del mondo. Il museo di Yad Vashem dedicato alla  storia della shoah ha infatti sostituito la controversa didascalia posta sotto la foto di Pio XII che definiva «ambiguo» il comportamento del Papa di fronte allo sterminio degli ebrei. Il 1° luglio il sito del museo ha annunciato che «di recente, seguendo le raccomandazioni dell’Istituto internazionale per la ricerca sull’Olocausto dello Yad Vashem, è stato aggiornato il pannello relativo alle attività del Vaticano e di Papa Pio XII nel periodo bellico. Tale aggiornamento rispecchia le ricerche compiute negli ultimi anni e presenta un quadro più complesso rispetto a quello precedente. Contrariamente a quanto riportato — sottolinea il comunicato — la modifica non è il risultato di pressioni esercitate dal Vaticano».

E così il pannello innanzitutto cambia titolo: non più «Pio XII e l’Olocausto» ma «Il Vaticano e l’Olocausto» e dalle prime righe scompare una frase che, a proposito del concordato tra Santa Sede e Germania del 1933, affermava: «significò riconoscere il regime razzista nazista».

La nuova didascalia sottolinea invece che «La reazione di Pio XII, Eugenio Pacelli, all’assassinio degli ebrei durante l’Olocausto è oggetto di controversia tra gli studiosi». La differenza di prospettiva è sostanziale. La controversia sul ruolo del Pontefice durante le persecuzioni naziste nei confronti degli ebrei è ancora lungi dall’essere chiusa. Ma il passaggio è di quelli da segnalare come qualitativamente rilevanti. Dal terreno dell’ideologia sembra si riesca passare a quello della valutazione storica: «nel corso degli ultimi anni — si legge nel comunicato del museo — nuove ricerche, basate in parte sull’apertura di collezioni d’archivio come l’archivio di Pio XI (fino al 1939), ma anche su altre informazioni, comprese quelle presentate nel laboratorio accademico internazionale «Pope Pius XII and the Holocaust. Current State of Research» che si è svolto a Yad vashem nel 2009 [degli atti del convegno è imminente la pubblicazione], hanno chiarito alcune questioni, lasciandone però aperte molte altre. Solo quando si potrà disporre di tutto il materiale sarà possibile avere un quadro più chiaro (...) Lo Yad Vashem attende con ansia il giorno in cui gli archivi vaticani saranno aperti ai ricercatori, di modo che si possa giungere a una comprensione più chiara degli eventi».

Si restituisce, quindi, valore primario ai fatti, ai documenti, alle testimonianze.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE