Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pio X e il cardinale tuttofare

· Ricordo di José de Calasanz Vives y Tutó nel centenario della morte ·

La Chiesa catalana ha ricordato con diversi atti liturgici e accademici il primo centenario della morte del cardinale José de Calasanz Vives y Tutó, avvenuta il 7 settembre 1913 a Monte Porzio Catone, vicino a Frascati.

Dal 1884 - scrive Valentí Serra di Manresa, archivista dei cappuccini della Catalogna - padre Calasanz de Llavaneres, incoraggiato dal ministro generale dei cappuccini, Bernardo de Andermatt, inizia una feconda tappa di servizio ecclesiale per il papato, l’ordine cappuccino e anche per la Chiesa della sua terra, la Catalogna. Il futuro cardinale Vives y Tutó svolge delicate missioni quali la pacificazione dei cattolici svizzeri del Ticino (1889) e, soprattutto, la partecipazione diretta, su richiesta del Papa Leone XIII, all’organizzazione, promozione e svolgimento del primo concilio plenario Latino-Americano (Roma, 28 maggio - 9 luglio 1899). L’efficienza è tale che, essendone pienamente soddisfatto il Papa e i prelati americani, padre Calasanz conclude le sedute conciliari presiedendole già come cardinale. Il 19 giugno 1899, a soli 45 anni, il cappuccino José de Calasanz de Llavaneres è già parte del Sacro Collegio Cardinalizio, una meritata promozione ecclesiastica "laboris causa".I contemporanei del cardinale di Llavaneres erano soliti affermare: a Roma «Vives fa tutto», e «Vives è tutto» lasciando intendere che il cardinale godesse presso la Santa Sede di una certa “onnipotenza”. L’espressione è però piuttosto esagerata, soprattutto considerando la personalità e fermezza di Pio X, oltre al forte influsso esercitato anche da cardinali come Gasparri, De Lai e Merry del Val. Pertanto non si deve attribuire esclusivamente a Vives y Tutó — mentore e confessore di Papa Pio X — la responsabilità di tutte le decisioni della Roma pontificia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE