Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Scetticismo sul piano Tsipras

· Sembra improbabile un accordo nel vertice di emergenza convocato per risolvere la crisi greca ·

«Ci sono ancora molti giorni per arrivare a una decisione». Non lascia spazio all’entusiasmo il cancelliere tedesco, Angela Merkel, nel commentare il negoziato con la Grecia. Dopo settimane di proposte e controproposte, di aperture e smentite, si tiene oggi a Bruxelles un vertice di emergenza per risolvere la crisi, ma le proposte del premier greco, Alexis Tsipras, non hanno finora riscosso molto successo.

Tsipras ha incontrato questa mattina il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, la direttrice del Fondo monetario internazionale (Fmi), Christine Lagarde, e il presidente della Banca centrale europea (Bce), Mario Draghi. Nel pomeriggio è previsto l’Eurogruppo e successivamente il confronto tra i capi di Stato e di Governo. «Penso sia tempo di arrivare a una soluzione sostanziale e fattibile — ha detto Tsipras — che permetta alla Grecia di tornare alla crescita, entro l’eurozona e garantendo la giustizia sociale». Dai primi commenti a caldo dei leader appare chiaro che, se una soluzione ci sarà, arriverà probabilmente solo nel Consiglio Ue di giovedì. «Sono stati fatti progressi negli ultimi giorni, anche se non ci siamo ancora» ha dichiarato Juncker. «C'è stata un po’ di confusione con le versioni delle proposte, la mia aspettativa è che ci riuniremo di nuovo giovedì» ha detto il ministro delle Finanze irlandese, Michael Noonan. «Un accordo oggi non è possibile» ha spiegato il ministro spagnolo dell’economia Luis De Guindos. «Non mi aspetto grandi passi avanti: ho aspettative molto basse per oggi» è stato invece il commento di Alexander Stubb, ministro delle Finanze finlandese. Ancor più dure le parole di Wolfgang Schäuble, titolare delle Finanze tedesche: «Non c'è niente di nuovo, non abbiamo ricevuto proposte di sostanza dalla Grecia, non si può preparare un summit senza di esse». Più incerto il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, secondo cui «la nuova proposta è arrivata da troppo poco tempo, quindi è impossibile avere un’analisi definitiva».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE