Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Perde il Labour
ma meno del previsto

· Verso il primo sindaco musulmano per Londra ·

Un sindaco musulmano per Londra e la tenuta dei laburisti. Sono questi i probabili risultati delle elezioni amministrative di ieri nel Regno Unito. Si è votato in Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord per rinnovare consigli comunali, assemblee regionali, e per eleggere quattro sindaci, tra cui quello della capitale. 

Un voto destinato a ridisegnare la mappa del potere negli enti locali, e dei rapporti di forza tra partiti tradizionali e formazioni locali, lungo l’intero Regno. I risultati ufficiali saranno resi noti stasera. In base agli exit poll, il partito laburista di Jeremy Corbyn — alla sua prima sfida con le urne dopo l’ascesa a sorpresa di settembre alla leadership del partito — sembra avere evitato la pesante sconfitta elettorale che era stata pronosticata dagli analisti. Per quanto riguarda l’elezione dei sindaci, tutti gli occhi sono puntati su Londra, dove è prevista la vittoria del candidato laburista Sadiq Khan, avvocato per i diritti umani figlio di un conducente di autobus pakistano, sul conservatore Zac Goldsmith. Se le previsioni della vigilia dovessero essere confermate, si tratterebbe del primo sindaco per una capitale europea. Secondo il rilevamento finale pubblicato dal London Evening Standard ripreso dalla emittente televisiva Bbc, Khan avrebbe ottenuto il 43 per cento delle prime preferenze, mentre il candidato tories Zac Goldsmith si attesterebbe attorno al 32 per cento. La sfida per la poltrona di sindaco di Londra corre parallelamente a quella per il referendum per la Brexit. Il risultato delle comunali nella capitale potrebbe, infatti, avere effetti anche sull’esito della consultazione referendaria del 23 giugno prossimo che deciderà l’eventuale uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE