Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Percorso dinamico

· Le relazioni tra Messico e Santa Sede ·

Riflettere sul rapporto tra Messico e Santa Sede vuol dire focalizzarsi sul suo dinamismo più che sulla sua longevità. Sebbene il ripristino delle relazioni diplomatiche sia avvenuto solo ventidue anni fa, il livello delle attività svoltesi in questo tempo denota l’importanza che le due parti si attribuiscono reciprocamente. L’interesse a rafforzare le relazioni si deve al riconoscimento della Santa Sede come importante attore sulla scena mondiale, soprattutto in ambito morale. Le sue posizioni su temi diversi fungono da punto di riferimento per la comunità delle Nazioni, perciò le sue iniziative godono di un ampio consenso internazionale.

La proficua collaborazione tra Messico e Santa Sede ha prodotto abbondanti frutti in molte questioni. Ne sottolineo due, trattate di recente. Nel campo del disarmo nucleare, entrambe le parti hanno riconosciuto la necessità di avanzare verso uno strumento giuridicamente vincolante che proibisca le armi di distruzione di massa e spinga ad attuare al più presto gli impegni già assunti. Allo stesso modo, il Messico e la Santa Sede si ergono da tempo a promotori instancabili della difesa dell’ambiente. In tale ottica sostengono la ricerca di soluzioni globali che permettano di contrastare gli effetti devastanti del surriscaldamento globale e che, con responsabilità condivisa, promuovano la cultura della solidarietà e la cooperazione, ponendo l’enfasi sui piccoli Stati insulari e sulle popolazioni vulnerabili. A livello bilaterale, le relazioni includono anche iniziative scientifiche e culturali. In questo senso va intesa la proficua collaborazione con le Pontificie accademie delle Scienze e delle Scienze Sociali su temi importanti come la globalizzazione o le migrazioni internazionali. Ma nei rapporti tra Santa Sede e Messico possiamo rintracciare anche un’innovazione: la cosiddetta “diplomazia locale”, quella cioè che diversi enti o regioni del Paese praticano per promuovere progetti di sviluppo.

di José Antonio Meade Kuribreña*,
Ministro degli Affari esteri del Messico

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE