Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Perché uccidere
non è mai la soluzione

· A Oslo il sesto Congresso mondiale sulla pena di morte ·

Un appuntamento molto importante, che vuole rinnovare un impegno globale e una lotta a favore della dignità della persona umana. Si apre oggi a Oslo in Norvegia il sesto congresso mondiale contro la pena di morte. L’obiettivo principale è quello di aumentare la sensibilizzazione dell’opinione pubblica internazionale e cercare di convincere sempre più Paesi ad aderire a una moratoria completa contro le esecuzioni capitali in linea con le risoluzioni delle Nazioni Unite. 

Che la pena di morte sia un tema di stringente attualità è cosa sotto gli occhi di tutti. Come dimostra il caso di Susan Kigula, condannata a morte in Uganda perché accusata di aver ucciso il compagno. Era destinata all’impiccagione, ma nei quindici anni passati nel braccio della morte non si è arresa. Ha continuato a lottare, promuovendo una campagna contro l’esecuzione capitale. Susan ha lanciato una petizione che ha portato la Corte suprema del Paese africano a dichiarare incostituzionale la pena di morte obbligatoria per certi reati, tra cui l’alto tradimento, il terrorismo, la rapina aggravata e l’omicidio. È uscita dal carcere cinque mesi fa: ora è libera e sarà presente a Oslo. Oggi più di due terzi dei Paesi nel mondo hanno abolito la pena di morte per legge o nella pratica: 102 Paesi l’hanno abolita per ogni reato; sei l’hanno abolita salvo che per reati eccezionali, quali quelli commessi in tempo di guerra o in circostanze particolari; 32 sono abolizionisti de facto poiché non vi si registrano esecuzioni da almeno dieci anni oppure hanno stabilito una prassi o hanno assunto un impegno a livello internazionale a non eseguire condanne a morte. In totale — i dati sono di Amnesty International — 140 Paesi hanno abolito la pena di morte nella legge o nella pratica. Cinquantotto Paesi la mantengono in vigore, ma il numero di quelli dove le condanne a morte sono eseguite è molto più basso. I numeri delle esecuzioni restano tuttavia drammatici. Nel 2015 almeno 1634 persone sono state giustiziate in 25 diversi Paesi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE