Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Perché non sia un diritto astratto

· Si discute al Consiglio d’Europa sulla libertà di religione ·

La libertà di religione è un diritto fondamentale ed è tra le basi di una società democratica e pluralista. L’intolleranza e la discriminazione fondate sulla religione o sull’ideologia riguardano gruppi minoritari in Europa così come persone che appartengono a gruppi religiosi maggioritari. 

Eppure, gli atti di ostilità, violenza e vandalismo contro i cristiani e i loro luoghi di culto non sono abbastanza presi in considerazione e condannati. È quanto si osserva, in estrema sintesi, nel progetto di risoluzione intitolato Tackling intolerance and discrimination in Europe with a special focus on Christians, in discussione oggi all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, riunita a Strasburgo dal 26 al 30 gennaio.

Gli Stati membri del Consiglio d’Europa — chiede il relatore del rapporto, Valeriu Ghiletchi, rappresentante della Repubblica di Moldova nonché pastore battista — dovrebbero essere invitati a promuovere una cultura del vivere insieme. La libertà di espressione ha bisogno di essere protetta al pari dell’esercizio pacifico della libertà di riunione, e il principio dell’intesa ragionevole dovrebbe essere utilizzato sempre, al fine di rispettare le convinzioni religiose delle persone, in particolare sui luoghi di lavoro e in materia di educazione. Spetta ai singoli Paesi vigilare affinché i diritti altrui siano allo stesso modo protetti. Ed è fondamentale che gli Stati condannino e sanzionino i discorsi improntati all’odio e qualsiasi atto di violenza, compresi quelli contro i cristiani.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE