Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per vivere insieme nella città dell’uomo

Nostro Signore ha detto: «Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso» (Luca, 12, 49). Il viaggio del Papa  in Libano risponde a tale volontà del Signore. Con questa visita Benedetto XVI ravviverà, in Libano e il Medio Oriente, il fuoco della fede, della speranza e della carità. È sotto l’impulso dello Spirito Santo che questa visita risveglia nei nostri cuori il senso evangelico della nostra  presenza cristiana in Oriente, in quanto chiamati a favorire la comunione e l’unità, a «rendere testimonianza alla verità» (Giovanni, 18, 37), a promuovere  la dignità dell’uomo, e a divenire gli artefici della pace, quella che proviene da Dio e che possiamo edificare sull’amore, sulla giustizia, sulla verità e sulla libertà.

I popoli del Medio Oriente, in questi giorni, vivono un momento storico che, speriamo,  porterà a una pace, una giustizia e un’unità più grandi. Preghiamo affinché i nostri giovani possano impegnarsi nella promozione del valore dell’uomo, di ogni uomo e di tutti gli uomini, come pure del diritto primordiale alla libertà e alla dignità.

Le prove di ordine economico e politico che i popoli del Medio Oriente continuano a sopportare già  da oltre mezzo secolo, così come l’impoverimento che si sta generalizzando, scuotono le famiglie, le destabilizzano e costituiscono un ostacolo al loro sviluppo. Le lotte armate continuano a disorientare i giovani che desiderano assicurare il loro futuro, con serenità. Il popolo palestinese che rimane disperso dal punto di vista umano, geografico e politico, aspira a una pace, che resta vaga e lontana.

In seno a questi sconvolgimenti che disorientano i nostri popoli, la chiamata del Signore ci affida «il ministero della riconciliazione» (2 Corinti, 5, 18); questa chiamata tocca i nostri  cuori e ci spinge all’azione coraggiosa a favore di una vera riconciliazione tra le comunità e le persone. «Misericordia io voglio e non sacrificio» (Matteo, 12, 7), ci raccomanda il Signore; questa misericordia diviene urgente oggi per i popoli della nostra regione.

Qui in Libano, in questa bella terra dei cedri, continuiamo a lavorare insieme, cristiani e musulmani, non solo per avviare un dialogo tra noi, ma anche e soprattutto per coltivare una vero «vivere insieme», nella solidarietà e nel rispetto reciproco, per edificare insieme la «città degli uomini».

È in questo spirito, ispirato dalla raccomandazione che Giovanni Paolo II ha rivolto alla Chiesa  universale, chiamandola a prendere l’iniziativa di annunciare al mondo che «il Libano è qualcosa di più di un Paese: è un messaggio di libertà e un esempio di pluralismo per l’Oriente come per l’Occidente» (Lettera Apostolica a tutti i Vescovi della Chiesa cattolica sulla situazione nel Libano, 7 settembre 1989), che attendiamo la visita di Benedetto XVI.

Questo messaggio, con la visita del Pontefice, diviene un appello rivolto a tutti i Paesi del Medio Oriente, come un olio sacro, che si spande a partire dal Libano,  e che noi continueremo a sostenere, con spirito di condivisione e di collaborazione, cosicché, alla fine, i popoli di questo Oriente, liberati dai gioghi che impediscono il loro sviluppo, possano riuscire a ritrovare la luce della pace e a instaurare la giustizia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE