Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per una risposta comune alla sete spirituale del nostro tempo

· All’udienza generale Benedetto XVI parla della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani ·

«Come possiamo dare una testimonianza convincente se siamo divisi?». È nell’ottica della nuova evangelizzazione che il Papa ha introdotto questa mattina, mercoledì 18 gennaio, durante l’udienza generale, la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, durante la quale — da oggi sino a mercoledì 25 — si pregherà in tutte le chiese per il dono del raggiungimento della piena comunione. Una grande sfida per la nuova evangelizzazione, ha detto il Pontefice, perché essa sarà «più fruttuosa se tutti i cristiani annunciano insieme la verità del Vangelo di Gesù Cristo e danno una risposta comune alla sete spirituale dei nostri tempi».

Benedetto XVI ha colto l’occasione della coincidenza dell’inizio della settimana con l’udienza generale, per ripercorrere l’itinerario storico di una pratica promossa per la prima volta nel 1908 da Paul Wattson, fondatore di una comunità anglicana che in seguito entrò nella Chiesa cattolica. In seguito, ricevuta la benedizione da san Pio X, l’iniziativa venne «promossa» e «incoraggiata» da Benedetto XV con il breve Romanorum Pontificum del 25 febbraio 1916.

Arricchitasi nel corso degli anni, la celebrazione oggi si sviluppa attraverso la collaborazione di un gruppo misto composto da rappresentanti della Chiesa cattolica e «da un gruppo ecumenico — ha spiegato il Pontefice — di una diversa regione del mondo» incaricato di allestire i sussidi per la preghiera. Quest’anno è stato il turno della Polonia. Una circostanza, ha notato il Papa, che aiuterà a riflettere su «quanto sia forte il sostegno della fede cristiana in mezzo a prove e sconvolgimenti» come quelli che hanno caratterizzato la storia della Polonia, che, dopo aver conosciuto un periodo di convivenza democratica e di libertà religiosa, negli ultimi secoli «è stata segnata da invasioni e disfatte, ma anche dalla costante lotta contro l’oppressione e dalla sete di libertà», in un rincorrersi di vittorie e sconfitte, sino alla scoperta della vittoria definitiva dell’amore in Cristo. Di qui la scelta del tema per la settimana di quest’anno: «Tutti saremo trasformati dalla vittoria di Gesù Cristo, nostro Signore» (cfr. 1 Cor 15, 51-58).

Benedetto XVI si è poi soffermato brevemente sullo stato attuale del cammino verso l’unità di tutti i cristiani. Un traguardo per raggiungere il quale, ha detto, è necessario pregare per ottenere prima di tutto una conversione interiore «sia comune che personale». Non si tratta dunque di cercare atteggiamenti formali di cordialità o di cooperazione. Al contrario, è assolutamente necessario «rafforzare la nostra fede in Dio», in quel Dio che «si è fatto uno di noi», e cogliere «tutti gli elementi di unità che Dio ha conservato per noi».

Da queste considerazioni il Papa ha fatto discendere la natura del dono divino dell’unità dei cristiani. Dunque non un accessorio, ma il centro dell’opera stessa di Cristo. Per questo essa è parte integrante della responsabilità di ogni battezzato, chiamato a stare insieme e a lavorare insieme «per la vittoria, in Cristo, su tutto ciò che è peccato, male, ingiustizia, violazione della dignità dell’uomo».

Certo, come ha realisticamente riconosciuto Benedetto XVI, il cammino da compiere è ancora lungo; le divisioni tra i cristiani permangono, anche se «per quanto riguarda le verità fondamentali della fede, ci unisce molto più di quanto ci divide». Proprio in virtù di queste considerazioni è necessario rinvigorire la preghiera. Soprattutto in vista della nuova evangelizzazione, che potrà essere «più fruttuosa» se tutti annunciano insieme il Vangelo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE