Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per portare speranza nelle periferie del mondo

· Il segretario di Stato conferisce l’ordinazione episcopale a tre nuovi nunzi apostolici ·

Tre nuovi arcivescovi saranno ora «inviati come rappresentanti del Papa per seguire la vita della Chiesa in Colombia, Papua Nuova Guinea e Benin, mantenendo cordiali rapporti con le autorità civili» e cooperarando «al progresso spirituale di quelle popolazioni». È il mandato che hanno ricevuto dal cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, i monsignori Ettore Balestrero, Michael Banach e Brian Udaigwe, nominati rispettivamente nunzi apostolici in Colombia, in Papua Nuova Guinea e in Benin. Il porporato ha conferito loro l’ordinazione episcopale nel pomeriggio di sabato 27 aprile, nella basilica Vaticana.

I tre nuovi nunzi inzieranno ora la loro missione, ha detto il segretario di Stato, «ricchi di una esperienza ecclesiale maturata nelle rispettive diocesi di origine, come pure nelle nunziature di diversi Paesi e, monsignor Ettore, in Segreteria di Stato con un compito di speciale responsabilità». Nell’annuncio del Vangelo saranno «accompagnati dal nostro affetto, dalla nostra stima e dalla nostra gratitudine» e saranno «soprattutto sostenuti dalla forza dell’Eucaristia». Rivolgendosi direttamente ai nuovi nunzi, il cardinale Bertone ha detto: «Caro don Ettore, caro don Michael e caro don Brian, la fiamma della carità pastorale vi spinga a lavorare generosamente al servizio della Chiesa in quei Paesi dell’America Latina, dell’Oceania e dell’Africa. Non dimenticate mai le parole di Gesù che abbiamo ascoltato ancora una volta nell’odierna pagina evangelica: “Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri” (Giovanni 13, 34). In realtà, è l’amore di Cristo e per Cristo la ragione del nostro impegno apostolico. Caritas Christi urget nos. È così per ogni sacerdote, è così per ogni vescovo e per ogni rappresentante del Papa. Si tratta di un amore incessante, che ci chiama a seguire Cristo che “ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei”».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE