Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per la Siria giustizia e verità

· Appello del Patriarca greco-ortodosso d’Antiochia Youhanna X ·

Un duplice appello per la liberazione dei due presuli ortodossi rapiti e per la soluzione rapida della drammatica situazione siriana è stato lanciato dal Patriarca greco-ortodosso Youhanna X d’Antiochia nel messaggio per l’inizio della Settimana Santa ortodossa. Il testo, scritto in arabo e tradotto e diffuso in francese, inglese, greco, tedesco, italiano e spagnolo, è stato letto ieri durante la liturgia della domenica delle Palme in tutte le chiese del patriarcato ortodosso d’Antiochia.

Il Patriarca ricorda i «motivi di dolore» che investono tutte le regioni antiochene, «nel momento in cui gli eventi politici attaccano come una tempesta le nostre patrie». L’ultima tragedia ricordata è appunto il rapimento del metropolita greco-ortodosso di Aleppo e Alessandretta, Paul Yazigi, e di quello siro-ortodosso di Aleppo, Youhanna Ibrahim, e l’assassinio del suddiacono che li accompagnava.

«Condivido con voi il dolore — afferma il Patriarca — dolore sentito anche da tanti fedeli della nostra Chiesa, dolore causato dalle difficoltà subite, e lavoro con i miei fratelli, i membri  del Santo Sinodo, per diminuire gli effetti di tali circostanze». In questa prospettiva il Patriarca rivolge «un appello alla società internazionale per stimolarla a fare ciò che può per liberare i rapiti. Questo nostro appello include pure un fervente invito  a trovare una veloce soluzione alla situazione del nostro amato Paese, la Siria; e ciò in segno di pietà per questo popolo testimone di una civiltà plurisecolare, e per evitare conseguenze nefaste che possono ripercuotersi sull’intera regione».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE