Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Pellegrini
per un ambiente più giusto

· ​Chiese e comunità ecclesiali in vista della Conferenza di Parigi ·

Negli ultimi trent’anni, a fronte del degrado dello stato di salute del pianeta, del crescente inquinamento e dei sempre più frequenti disastri ecologici, l’adeguamento delle attività umane ai ritmi dell’ambiente è divenuta un’esigenza sempre più sentita dalla comunità internazionale. In particolare, la conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente umano, tenutasi a Stoccolma nel 1972, ha segnato l’inizio di una presa di coscienza a livello globale e istituzionale dei problemi legati all’ambiente. 

Per sensibilizzare e unire le voci dei cittadini europei favorevoli a nuovi modelli di sviluppo, le Chiese europee stanno organizzando varie iniziative: pellegrinaggi ed eventi, percorrendo l’esempio dell’Africa nel 2011 in occasione della Cop17 a Durban, in Sud Africa. Con la collaborazione di 350 organizzazioni, 160 giovani africani ed europei avevano percorso il continente da Nairobi (Kenya) attraverso Tanzania, Malawi, Zambia e Botswana verso Durban in un convoglio di autobus con il motto «Noi abbiamo fede: agire ora per la giustizia climatica» (“We have faith: Act now for climate justice”). Era una campagna promossa da più di 25 comunità di fede e da giovani di 30 Paesi africani e prevedeva lungo tutto il percorso azioni, petizioni, eventi e concerti. Varie sono le mobilitazioni che le Chiese e le organizzazioni che fanno capo alla Kek e alla Rete cristiana europea per l’ambiente stanno preparando per Parigi. La più interessante è quella dei «Pellegrinaggi di giustizia e di pace», che avranno luogo in tutti i continenti, assecondando l’indicazione della decima assemblea del Consiglio ecumenico delle Chiese (Busan, Corea del Sud, 2013), che ha incoraggiato le Chiese a mettersi in cammino, a progettare insieme azioni trasformative rinnovando la propria vocazione con i doni ricevuti da Dio.

di Antonella Visintin Rotigni

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE