Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pellegrini della pace

· Il dialogo con le Chiese ortodosse orientali ·

Più volte Papa Francesco ha espresso la sua preoccupazione per la situazione di coloro che subiscono le conseguenze di tensioni e di violenze in molte regioni del Medio oriente, specialmente in Iraq e in Siria, dove centinaia di migliaia di bambini innocenti, di donne e di uomini sono vittime di conflitti cruenti e dove i nostri fratelli cristiani, come pure gli appartenenti ad altre minoranze religiose ed etniche, non solo sperimentano la precarietà e la difficoltà del vivere quotidiano, ma sono spesso oggetto di persecuzioni.

Per questo, il Santo Padre invita i fedeli cristiani di varie confessioni a farsi artigiani e pellegrini della pace. «Impegniamoci, con la preghiera e con l’azione, a diventare persone che hanno bandito dal loro cuore, dalle loro parole e dai loro gesti la violenza, e a costruire comunità nonviolente, che si prendono cura della casa comune» (Messaggio per la cinquantesima Giornata mondiale della pace, 7). Il Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani ha frequenti contatti con le Chiese di appartenenza di questi cristiani. Qui di seguito è riportata una breve panoramica dell’attività ecumenica che coinvolge le Chiese in Medio oriente o che è scaturita dalla loro attività missionaria.
Durante il tredicesimo incontro della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali, tenutosi dal 31 gennaio al 6 febbraio 2016 al Cairo, presso il Centro copto di San Marco, le discussioni si sono incentrate sui sacramenti dell’iniziazione cristiana. Gli sviluppi di questi sacramenti all’interno della tradizione latina, come pure le basi scritturistiche e patristiche del battesimo e la correlazione tra Chiesa e sacramenti sono stati affrontati dai diversi relatori nei rispettivi interventi. Il battesimo è stato riconosciuto come inizio e fondamento di tutti i sacramenti. Una più approfondita riflessione su questo tema favorirà il più ampio studio sulla relazione tra i sacramenti e la Chiesa.

di Gabriel Quicke, Officiale per la sezione orientale del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE