Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pedagogia dell’amore

· Dal cardinale Baldisseri un invito a puntare sulla formazione dei giovani al matrimonio ·

È necessario dar vita a «un nuovo catecumenato in preparazione al matrimonio» come antidoto al moltiplicarsi di celebrazioni del sacramento «nulle o inconsistenti». La proposta formulata lo scorso 21 gennaio da Papa Francesco durante l’udienza al tribunale della Rota romana è stata ripresa e rilanciata dal cardinale Lorenzo Baldisseri, ospite nei giorni scorsi a Terni per un incontro sull’Amoris laetitia promosso nell’ambito delle celebrazioni in onore di san Valentino, patrono dei fidanzati.

Raymond Peynet, «Innamorati»

Per presentare i contenuti dell’esortazione apostolica il segretario generale  del Sinodo dei vescovi ha scelto una chiave di lettura (sintetizzata nel tema della conferenza «Chiamati alla gioia dell’amore») particolarmente adatta all’esperienza delle coppie che si preparano a celebrare il matrimonio. Un’esperienza che — ha ricordato — conduce i giovani a comprendere meglio «la bellezza del progetto che sono chiamati a realizzare con gioia e umiltà, consapevoli della loro fragilità e fiduciosi nella potenza della grazia che li accompagna e li sostiene». Non a caso il porporato, dopo un esame sommario di alcune sezioni del documento, ha insistito in modo particolare sul capitolo sesto, nel quale si offrono ai fidanzati indicazioni utili per «avvicinarsi al mistero grande dell’amore coniugale e familiare».

Nello specifico, l’attenzione del cardinale si è rivolta ai percorsi di accompagnamento verso il matrimonio animati dalla comunità cristiana. Con la raccomandazione di non limitarsi a «una serie di incontri tematici dove la preoccupazione prevalente è di comunicare nozioni, dare suggerimenti, fornire indicazioni», ma piuttosto di realizzare «un cammino di autentica iniziazione al sacramento del matrimonio, la cui preparazione remota potrebbe consistere in incontri tra famiglie missionarie e giovani fidanzati, dove scambiarsi idee e vivere esperienze».

Dal confronto con altre coppie e con gli operatori pastorali scaturiscono sostegno e arricchimento reciproco ma — ha avvertito il porporato — possono emergere anche «divergenze che talvolta riguardano questioni di fondo: ad esempio, sul modo di intendere il progetto di vita comune, le prospettive di lavoro, l’educazione dei figli, il rapporto con i parenti del partner». Va messa in conto, perciò, la possibilità di «accorgersi che non è ragionevole puntare su quella relazione» ed «essere pronti anche a rimandare le nozze» qualora emergessero «punti non sufficientemente approfonditi all’interno della coppia».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE