Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Pechino punta su Panamá

· La visita del presidente cinese nel paese dell’America centrale ·

Xi e Varela insieme alle rispettive first lady  di fronte al canale di Panamá (Reuters)

«Vogliamo essere la porta di ingresso all’America latina della Cina, mettere a disposizione i nostri collegamenti con il resto della regione in modo che le compagnie cinesi possano fare base qui per distribuire i loro prodotti e servizi al mercato latinoamericano». Con queste parole, ieri, il vice ministro degli esteri del Panamá, Luis Miguel Hincapié, ha riassunto il senso della visita del presidente cinese, Xi Jinping, nel paese centroamericano. Xi è giunto a Panamá — primo presidente cinese a farlo — subito dopo la fine del g20 argentino, insieme a una folta delegazione di ministri e uomini d’affari. È stato ricevuto dal presidente panamense, Juan Carlos Varela.

«In appena un anno e mezzo, le relazioni bilaterali sono fiorite», ha sottolineato Xi, secondo il quale Panamá e la Cina «hanno collaborato alla costruzione congiunta di una nuova via della seta», ovvero il grande progetto infrastrutturale mondiale promosso da Pechino. «Sosteniamo questa iniziativa riconoscendo la necessità di un mondo più connesso in cui il nostro paese svolgerà un ruolo di primo piano» ha quindi replicato il presidente panamense. «Panamá unisce due oceani: la vostra visita oggi consolida il ruolo del nostro paese come braccio commerciale e porta della Cina in America latina» ha aggiunto. Oggi la Cina non è solo il secondo maggiore utilizzatore del Canale di Panamá, dopo gli Stati Uniti, ma anche la seconda maggiore fonte di prodotti nel centroamerica. I punti di forza di Panamá — dicono gli analisti — sono la sua stabilità politica, la sua posizione geografica, il suo canale, le sue infrastrutture portuali e aeroportuali, la sua economia (in dollari) e un sistema finanziario in crescita del cinque per cento annuo, con un centinaio di banche. Tutto questo «è molto allettante per la Cina come per altre potenze» afferma Severo Sousa, presidente del consiglio nazionale delle imprese private (Conep). Cina e Panamá hanno formalmente allacciato relazioni diplomatiche a giugno 2017.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE