Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pechino conferma
le sanzioni contro Pyongyang

· Xi Jinping rilancia i negoziati a sei per una penisola coreana denuclearizzata ·

L’intervento del presidente cinese Xi Jinping a Pechino (Ap)

La Cina è intenzionata a rendere pienamente effettive le sanzioni decise dall’Onu contro la Corea del Nord in seguito al test nucleare di gennaio e a quello missilistico di febbraio: è quanto ha affermato oggi il presidente Xi Jinping, parlando in apertura della Conference on Interaction and Confidence Building Measures in Asia (cica), che ha come scopo proprio la costruzione della sicurezza regionale.Pechino, ha aggiunto Xi, ritiene però che la questione nucleare della penisola coreana possa essere risolta solo con il dialogo e auspica la ripresa dei negoziati a sei (Corea del Nord, Corea del Sud, Stati Uniti, Giappone, Russia e Cina), in stallo da fine 2008 e che puntano ad accantonare le ambizioni atomiche di Pyongyang in cambio di aiuti. La Corea del Nord, malgrado il pressing della comunità internazionale, potrebbe effettuare altri test nucleari e balistici in vista dell’avvio del primo congresso del Partito dei Lavoratori in 36 anni, fissato per il 6 maggio. Inoltre, Pyongyang sta preparando un piano di esercitazioni di artiglieria su vasta scala avendo come target la replica della Cheong Wa Dae, la Blue House sede della presidenza della Repubblica sudcoreana, in una mossa che è destinata ad alimentare la tensione sulla penisola. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE