Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pechino auspica la pace

· Colloqui sulla crisi nella penisola coreana ·

Il ministro degli esteri cinese Wang Yi con il leader nordcoreano  Kim Jong-un (Reuters)

La Cina sostiene le conclusioni del vertice intercoreano del 27 aprile scorso, che ha portato sviluppi positivi per una soluzione politica alla crisi nella penisola, e si è detta pronta a lavorare per la pace tra Corea del Sud e Corea del Nord. Lo ha affermato il consigliere di stato e ministro degli esteri cinese Wang Yi, incontrando ieri a Pyongyang il leader nordcoreano, Kim Jong-un. Nel colloquio di una settimana fa a Panmunjeom, la zona smilitarizzata al confine coreano, il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, e Kim si sono impegnati sulla completa denuclearizzazione, sul miglioramento dei rapporti bilaterali e sulla necessità di giungere a un vero e proprio trattato di pace che sostituisca il fragile armistizio siglato nel 1953 alla fine della guerra di Corea. La Cina, ha aggiunto Wang, si quindi detta disponibile a mantenere aperte le comunicazioni con Pyongyang, facendo avanzare il coordinamento tra i due paesi divisi dal 38° parallelo. Da parte sua, rileva la Kcna, l’agenzia di stampa del regime comunista di Pyongyang, Kim ha lodato gli sforzi cinesi per contribuire alla pace e alla stabilità della penisola coreana, aggiungendo di volere rafforzare le comunicazioni strategiche con Pechino. «Centrare la denuclearizzazione è la posizione ferma della Corea del Nord» ha affermato Kim citato sempre dalla Kcna, aggiungendo che i recenti sviluppi sono stati «significativi e favorevoli alla risoluzione pacifica» della crisi regionale. La missione di Wang — prima visita di un alto diplomatico cinese in Corea del Nord da più di 11 anni — si svolge sullo sfondo di un’importante attività diplomatica internazionale volta a favorire il processo di distensione nella penisola coreana. Per discutere degli ultimi, positivi sviluppi nordcoreani, la prossima settimana, ha annunciato nei giorni scorsi il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, si svolgerà a Tokyo un vertice trilaterale con il premier cinese, Li Keqiang, e Moon.

E tra la fine di maggio e l’inizio di giugno è in programma l’atteso vertice tra Kim e il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE