Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Passi costruttivi a Ginevra

· ​Nei colloqui promossi dalle Nazioni Unite sul conflitto siriano ·

Il tavolo dei negoziati siriani presso la sede dell’Onu a Ginevra (Ansa)

 L’inviato speciale dell’Onu sulla Siria, Staffan de Mistura, ha esortato ieri a Ginevra i paesi garanti dei negoziati di Astana sul cessate il fuoco in Siria, ovvero Russia, Iran e Turchia «a riprendere in mano la situazione». De Mistura, che ha incontrato le delegazioni del governo di Damasco e della principale opposizione siriana nell’ambito dei colloqui promossi dall’Onu, ha detto di sperare che si svolgerà al più presto una nuova riunione del processo di Astana per «controllare la situazione che al momento è preoccupante». L’inviato speciale dell’Onu ha affermato che i colloqui intersiriani proseguono oggi. Rispondendo ai giornalisti, de Mistura ha affermato di non prevedere «né una svolta, né una rottura, ma passi costruttivi» nel corso dell’attuale round di colloqui, iniziati giovedì e che dovrebbe durare circa una settimana.

Ma l’offensiva lanciata ieri dai ribelli nella zona orientale di Damasco potrebbe avere conseguenze negative sugli sforzi al tavolo dei negoziati volti a porre fine al conflitto in Siria. Lo ha affermato Bashar Al Jaafari, alla guida della delegazione di Damasco ai colloqui di Ginevra. Inoltre, una massiccia e insistita offensiva militare dell’opposizione armata è in corso nella parte centrale del paese contro postazioni del governo siriano nella regione di Hama.

E, intanto, la città di Raqqa, roccaforte del cosiddetto stato islamico (Is) in Siria, è accerchiata e l’offensiva contro i jihadisti inizierà presto. Il ministro della difesa francese, Jean-Yves Le Drian, ha affermato: «Possiamo dire che la battaglia avrà inizio nei prossimi giorni. Sarà una battaglia dura ma fondamentale».  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE