Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per una legge
sui luoghi di culto

· Raggiunto in Egitto un accordo tra Governo e Chiesa copta ·

Il Cairo, 29. In Egitto la Chiesa ortodossa copta ha raggiunto, giovedì scorso, un accordo con il Governo in merito alla proposta di legge sulla costruzione e il restauro dei luoghi di culto cristiani. Lo riferisce AsiaNews, citando una nota ufficiale diffusa dalla Chiesa copta che conferma il raggiungimento di «una formula di compromesso» con i rappresentanti governativi. Ora la legge, formata da dieci articoli, verrà inviata all’esecutivo per l’approvazione e quindi inoltrata al Parlamento per la ratifica finale, preludio della sua entrata in vigore.

Il giorno prima, mercoledì, si è tenuta una riunione di emergenza, alla presenza di centocinque vescovi copti, per approfondire il testo di legge alla luce, anche, di un precedente incontro fra il presidente della Repubblica egiziana, Abdel Fattah el-Sisi, e il primo ministro Sherif Ismail, al centro del quale vi era stato il tema della legge sui luoghi di culto. I rappresentanti ortodossi auspicano che la norma possa essere «un passo in avanti» in tema di libertà e parità di culto, agevolando l’iter (finora assai lungo e complesso) che porta alla costruzione di una chiesa o di un altro luogo di culto cristiano. Anche e soprattutto per eliminare un’evidente disparità di trattamento fra cristiani e musulmani.
Si tratta di una norma attesa da tempo e più volte rimandata, che nelle ultime settimane aveva fatto innalzare il livello di scontro fra le autorità del Cairo e i responsabili della minoranza cristiana locale. Nei giorni scorsi, infatti, i vertici copti avevano bollato come «inaccettabili» alcuni emendamenti e «impraticabili» alcune aggiunte poste dal Governo alla legge, redatta in modo congiunto da tutte le Chiese egiziane. La comunità aveva sollevato critiche in particolare su due emendamenti: il permesso di costruire chiese a patto che siano edificate senza croci o cupole sulle facciate esterne; lo spazio occupato dall’edificio “proporzionale” al numero di fedeli della zona, dato difficile da valutare e che si presta a manipolazioni e limiti. Perplessità che non sono cessate, nonostante l’intesa di giovedì scorso, tanto è vero che gruppi di giovani cristiani stanno mobilitandosi per una raccolta di firme per chiedere che il testo della proposta di legge sia respinto e riformulato prima della sua approvazione da parte del Parlamento.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE