Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un passaggio obbligato

· ​I grandi scrittori russi secondo Tommaso Landolfi ·

In Russia non ci andò mai, eppure Tommaso Landolfi continua a rappresentare un passaggio obbligato per comprendere in profondità la letteratura di quel Paese e il respiro epico dei suoi autori più grandi. Può sembrare un paradosso, ma del resto il pensiero stesso dello scrittore, poeta e traduttore ha sempre avuto un effetto spiazzante, volto ad asserire verità per poi minarle e smentirle. Non amo viaggiare e in Russia poi «fa tanto freddo» soleva dire, aggiungendo che gli scrittori di quella terra tendono al pessimismo anche a causa del clima ostile: ma sono quegli stessi scrittori di cui divorò le opere, fino a rivelarne — attraverso lo scavo di riletture — le sfumature più recondite. Non a caso diceva di lui Italo Calvino: «Il rapporto di Landolfi con la letteratura come con l’esistenza è sempre duplice: è il gesto di chi impegna tutto se stesso in ciò che fa e nello stesso tempo il gesto di chi butta via». Un’osservazione che trova riscontro nell’opera di Landolfi I russi, riedito, a cura di Giovanni Maccari (Milano, Adelphi, 2015, pagine 365, euro 30) in cui sembra parlare obtorto collo di Puskin, Gogol, Dostoevsky, Tolstoj, Pasternak perché rappresentanti di un mondo «estraneo» e «lontano», per poi entrare in simbiosi con assunti e intuizioni tratti dalle loro opere, fino a diventarne divulgatore e paladino. 

Lev Tolstoj

E in questa particolare dimensione di critica letteraria si specchia il disincantato atteggiamento di Landolfi quando era studente, nel 1928, all’università di Firenze: dai corsi ufficiali preferiva «tenersi a distanza» per dedicarsi con slancio all’occupazione preferita, ovvero discettare di letteratura, per notti intere, con gli amici Carlo Bo, Leone Traverso e Renato Poggioli. «Questa era la mia vera università» ebbe a dire anni dopo. E la sua insofferenza per l’ufficialità e il protocollo, sentiti come una pastoia che impediva di sondare i recessi dell’autore nell’atto di recensirlo, si traduce in un’illuminante e spregiudicata analisi di pensieri e sentimenti. E dell'autore di Guerra e pace scrive in un linguaggio tra il disinvolto e il canzonatorio, e comunque in contrasto pure con i detrattori dello scrittore, di solito paludati anche nel formulare le loro riserve.
«Vecchio Tolstoy che è così difficile amare — chiosa Landolfi —. La grazia non è il suo forte: pure, alcune pagine dei suoi romanzi? Quando dice una cosa intelligente, sorprende sempre un poco: eppure ne dice tante; lo si direbbe grosso, sebbene genio, ma talvolta invece è finissimo; sembra scaltro, e non lo è per nulla; sempliciotto, e proprio in quel punto scopri che la sa più lunga di quasi tutti». E la forza di questo giudizio è da leggere in filigrana: più Landolfi sembra irriverente, più tradisce ammirazione e attrazione. Suggestiva poi è la sua lettura delle creature di Puskin, definite di ispirazione byroniana: romantiche ma anche classiche, non in divenire (come pensano i critici alla moda) ma già arrivate, chi bene e chi male. E con tono provocatorio tende a sfatare «falsi miti». Non è vero che all’autore di Evgenij Onegin piaceva solo l’autunno, che spesso ricorre nella sua opera per esprimere malinconia e languore: anche la primavera — con i suoi palpiti e i suoi ardori — riveste, secondo Landolfi, un ruolo prioritario. E nell’affermare ciò si fa beffe degli esponenti «parrucconi» della stereotipata critica letteraria che lo aveva preceduto. Colpisce quindi l’austerità, dal momento che si definiva un bohémien della penna e del pensiero, con cui si accosta all’opera di Gogol, di cui rivendica, sulla base anche di citazioni dello stesso autore, la profonda religiosità. «Cercate di vedere in me il cristiano e l'uomo piuttosto che il letterato» scrisse una volta Gogol alla madre. E Landolfi, nel suo saggio, pone un forte accento su questa esortazione: «Siate non morte, ma vive anime. Non c'è altra salvezza fuori di quella indicata da Gesù Cristo». Ma anche in questo caso egli non resta in superficie. E nell’agitare le placide acque di una supina e conformista critica letteraria, sottolinea il peso della crisi morale di uno scrittore alla disperata ricerca del perché della vita: un interrogativo che turba e sconvolge i già scricchiolanti equilibri del mondo terreno. E quel vuoto determinato dall’assenza di adeguate risposte si traduce, sul piano narrativo, nella corrosiva rappresentazione di quelle figure grottesche e patetiche che popolano Le anime morte, un romanzo di coraggiosa denuncia sociale e tappa fondamentale della letteratura russa. 

di Gabriele Nicolò

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE