Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Partita aperta sul futuro della Große Koalition

· Dopo il voto bavarese Merkel invita a recuperare la fiducia nel governo ·

Merkel a Berlino durante il suo primo intervento dopo il voto in Baviera (Reuters)

«I risultati economici migliori e la disoccupazione ai minimi livelli alla gente non bastano, se non c’è la fiducia negli attori politici. Da ieri traggo questo insegnamento: come cancelliere devo fare in modo che la Große Koalition recuperi la fiducia e che i suoi risultati siano visibili». Queste le prime parole di Angela Merkel a meno di 24 ore dal risultato delle urne in Baviera che ha visto il pesante ridimensionamento della Unione Cristiano Sociale (Csu) e dei socialdemocratici (Spd), fondamentali alleati dell’attuale governo. La resa dei conti all’interno della Csu non è ancora iniziata. Il leader del partito, Horst Seehofer, attuale ministro dell’interno federale, ha escluso ieri un suo passo indietro, ma anche se si è detto genericamente «pronto a ogni dibattito» e «ad ascoltare l’opinione di tutti». Al momento, dunque, tutto è rinviato a dopo la formazione del nuovo governo in Baviera. La Csu, infatti, resta comunque il primo partito e ha il diritto di provare a formare un esecutivo, un’operazione per la quale ci sono solo quattro settimane di tempo. Il presidente uscente della Baviera, Markus Söder, eletto all’unanimità del direttivo della Csu per la presidenza, ha annunciato che le consultazioni cominceranno mercoledì prossimo. L’opzione più evidente è un’alleanza con il partito di centro-destra Freie Wähler. Non è però escluso il dialogo con i Verdi della giovane Katharina Schulze, che hanno ottenuto un successo notevole alle urne diventando il secondo partito della regione. Che il voto in Baviera abbia ripercussioni nazionali nessuno lo nega. «Il futuro della Große Koalition si deciderà nei prossimi mesi» ha detto la leader dell’Spd, Andrea Nahles. «Non sono all’ordine del giorno delle linee rosse — ha proseguito la capogruppo del partito socialdemocratico — ma ci stiamo chiedendo come agire in modo efficace dentro questo governo».

La partita è aperta. Il 28 ottobre si tornerà a votare, questa volta in Assia, dove il governatore uscente della Cdu, Volker Bouffier, alla guida di una giunta assieme ai Verdi, rischia di perdere.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE