Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Parroco di tutti

· ​A Vercelli la beatificazione di don Giacomo Abbondo ·

Un autentico parroco, padre e pastore, annunciatore del Vangelo e premuroso nei confronti dei suoi fedeli fino all’esercizio eroico della carità. È don Giacomo Abbondo, il sacerdote di Tronzano Vercellese che il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, beatifica in rappresentanza di Papa Francesco, sabato 11 giugno, a Vercelli.

Nato a Salomino, frazione di Tronzano Vercellese, il 27 agosto 1720, assecondando il desiderio del vescovo, Abbondo rinunciò al prestigioso incarico di insegnante nella scuola statale e accettò la nomina a parroco di Tronzano, dove rimase fino alla morte, avvenuta il 9 febbraio 1788. Ereditò una difficile situazione dopo la morte del teologo Naya, simpatizzante del giansenismo e del rigorismo sacramentale. Fin dall’inizio nel 1757 don Abbondo s’impegnò come ministro della Parola, premuroso cultore della vita sacramentale e generoso dispensatore della carità parrocchiale. Nel 1759 unì le compagnie della dottrina cristiana e del rosario, impegnando quasi tutti i genitori nell’insegnamento del catechismo e nella preghiera in famiglia. La dottrina cristiana era spiegata ogni festa di precetto al pomeriggio. In Quaresima la catechesi si faceva ogni giorno: al mattino nel capoluogo, al pomeriggio nelle cascine. Nel mese di gennaio, dopo la messa dell’Ave Maria, don Abbondo a cavallo, avvolto in un grande mantello, si recava nelle cascine per insegnare il catechismo ai ragazzi impegnati nella custodia delle mucche. I testi in uso erano quelli del cardinale Roberto Bellarmino, del padre Boriglioni e di monsignor Casati.

Amava i suoi parrocchiani uno ad uno, con una speciale predilezione per i poveri e i malati. Insieme con il medico, segnalava coloro che necessitavano di un particolare sostegno da parte della congregazione di carità. A essi garantiva la distribuzione gratuita del pane, del latte, della verdura, della legna per il riscaldamento. La popolazione dimostrò di apprezzare tale interessamento con l’istituzione di lasciti e legati. Le famiglie più generose si prendevano cura degli orfani. La casa parrocchiale era nota per l’ospitalità dei sacerdoti di passaggio, provenienti dalle limitrofe diocesi di Casale Monferrato e Ivrea. 

di Mario Capellino

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE