Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Parigi rilancia sul clima

· Ospita il «One planet summit» con il patrocinio dell’Onu e promette impegni concreti ·

A due anni esatti dalla Conferenza internazionale di Parigi (Cop21) e tre settimane dopo la Cop23 di Bonn, una cinquantina di capi di stato e di governo parteciperanno domani ad un vertice internazionale nella capitale francese. Co-presieduto dalle Nazioni Unite e dalla Banca Mondiale, il «One planet summit» voluto dal presidente francese Emmanuel Macron deve dare un nuovo impulso alla lotta contro i cambiamenti climatici, con «nuovi annunci di progetti audaci e di sostanziali impegni finanziari», indica l’Onu. Durante il vertice verranno anche presentate «alcune delle iniziative che si sono dimostrate efficienti e che potrebbero essere generalizzate con un sostegno idoneo». E l’agenzia Onu per l’ambiente scrive. «La buona notizia è che misure per la salvaguardia dell’ambiente sono in atto praticamente in tutti i paesi e che, a vari livelli, molti settori iniziano già ad allinearsi all’Accordo di Parigi e tendono ad altri obiettivi più vasti di sviluppo sostenibile». «Vogliamo dimostrare che le soluzioni esistono e possono essere moltiplicate sia localmente che all’internazionale», si afferma a Parigi. Progetti concreti, dunque, in settori come energie rinnovabili, trasporti, efficacia energetica o agricoltura. Finora, 170 paesi hanno ratificato l’Accordo di Parigi. Venerdì scorso, il presidente statunitense Donald Trump ha indicato di poter «rientrare nell’accordo a un prezzo migliore». Ma a Parigi, gli Stati Uniti saranno rappresentati solo da un consigliere diplomatico.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE