Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Paraguay a testa alta

· Dopo il recente viaggio di Papa Francesco ·

Nella prima visita ufficiale del presidente della Repubblica del Paraguay Horacio Manuel Cartes Jara a Papa Francesco, il 25 novembre 2013, il Pontefice aveva salutato il nostro Paese con tre parole: «Paraguay, a testa alta!».

Il nostro Paese, nei tre giorni della visita papale, dal 10 al 12 di luglio, è stato al centro dell’attenzione mondiale. Papa Francesco conosce molto bene la realtà del Paraguay, della nostra storia, del nostro popolo. Ci ha scelto tra più di 180 inviti trasmessi da capi di Stato e da Conferenze episcopali di tutto il mondo, e abbiamo risposto con la testa alta e il cuore aperto.

Il Paraguay è un Paese emergente in continua crescita, con una popolazione prevalentemente giovane; e nutre un interesse speciale per la Santa Sede, essendo essa un punto di riferimento morale a livello internazionale. Anche perché il nostro popolo è costituito per la maggioranza da cattolici.

di Esteban Kriskovic
 ambasciatore 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE