Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Papa Francesco
torna nel Caucaso

· ​Inizia il viaggio in Georgia e in Azerbaigian ·

Georgia e Azerbaigian sono le mete del sedicesimo viaggio internazionale di Papa Francesco, che parte alle 9 di venerdì 30 settembre dall’aeroporto di Fiumicino alla volta di Tblisi. 

«L’arcangelo Gabriele» (xii secolo, monastero di Ghelati, Georgia)

Riprende così, dopo la visita in Armenia compiuta lo scorso giugno, l’itinerario del Pontefice nella regione caucasica. Incontro, dialogo, riconciliazione e pace saranno, secondo il cardinale Pietro Parolin, i temi portanti di questo viaggio in una terra dalle antiche radici cristiane, crocevia tra oriente e occidente, segnata da dolorosi conflitti locali e dove la minoranza cattolica si confronta con la Chiesa ortodossa e con l’islam. «La parola del Papa — afferma il segretario di Stato — potrà essere davvero una parola che invita a fare quello che lui dice spesso: fare delle differenze non motivo di conflitto ma di arricchimento reciproco». Il Pontefice sosterà due giorni nella capitale georgiana. Poi la mattina di domenica 2 ottobre il volo per Baku e, in serata, il rientro a Roma.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE