Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pane quotidiano
per i poveri

· La beatificazione di padre Casey ·

Padre Francesco Solano Casey (a sinistra) con un confratello cappuccino

I poveri, gli ammalati, gli emarginati e i senzatetto erano i prediletti di padre Francesco Solano Casey. Lo ha ricordato il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, durante la beatificazione del frate minore cappuccino, svoltasi sabato pomeriggio, 18 novembre, a Ford Field - Detroit, negli Stati Uniti d’America.

Si tratta, ha fatto notare il porporato all’omelia, della seconda beatificazione di un sacerdote nato in America, dopo quella del missionario Stanley Francis Rother, avvenuta il 23 settembre scorso a Oklahoma City. Mentre il beato Stanley Rother morì martire in Guatemala, ucciso in odio alla fede, il beato Casey ha raggiunto la santità nella sua stessa patria, «salendo ogni giorno i gradini che portano all’incontro con Dio mediante l’amore verso i fratelli bisognosi». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE