Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Palestra di perdono

· Importanza della famiglia in una società a volte spietata ·

Il sinodo è stato un evento di grazia

«La famiglia è una grande palestra di allenamento al dono e al perdono reciproco» e in una società come la nostra «a volte spietata, è indispensabile che vi siano luoghi come la famiglia, dove imparare a perdonarsi». 

È una sottolineatura significativa quella di Papa Francesco, che mercoledì mattina, 4 novembre, all’udienza generale è tornato a parlare dell’importanza delle famiglie in questo «mondo che a volte diventa arido di vita e di amore».

Rivolgendosi ai pellegrini presenti numerosi in piazza San Pietro, il Pontefice ha proseguito la riflessione sulla tematica familiare, evidenziando che «senza donarsi e senza perdonarsi l’amore non dura». Da qui il ruolo strategico della vita familiare, dove è più facile apprendere l’arte del perdono. In proposito il Papa ha spiegato che la cosa più importante è «guarire subito le ferite, ritessere immediatamente i fili che rompiamo». Anche perché, «per questo non è necessario farsi un grande discorso, ma è sufficiente una carezza». L’argomento ha offerto a Francesco anche lo spunto per ritornare a parlare del sinodo, definendolo «un evento di grazia. Al termine — ha ricordato — i Padri sinodali mi hanno consegnato il testo delle loro conclusioni. Ho voluto che questo testo fosse pubblicato, perché tutti fossero partecipi del lavoro che ci ha impegnati per due anni».

La catechesi del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE