Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Paese dimenticato

· La Caritas denuncia la drammatica condizione di Haiti a sei anni dal sisma ·

Haiti vive il sesto anniversario del sisma che la sconvolse nel gennaio del 2010 in una situazione che resta drammatica.

Di un “Paese dimenticato”, con la maggior parte della popolazione ridotta alla miseria, nel degrado e nell’abbandono, parla un dossier della Caritas italiana pubblicato in occasione dell’anniversario del terremoto che provocò oltre 230.000 morti accertati, trecentomila feriti e più di un milione e mezzo di senzatetto, in gran parte ancora tali. La Caritas italiana, fin dalle ore immediatamente successive al disastro, fu tra le strutture più attive nell’ambito della rete Caritas internazionale, nel sostegno alla Chiesa e alla società locali. Il dossier approfondisce in modo particolare i temi dell’indigenza e della disuguaglianza nel Paese caraibico, il più povero dell’America latina. Ne emerge che il dieci per cento degli haitiani possiede il settanta per cento delle entrate dell’intera Nazione, mentre due haitiani su tre vivono con meno di due dollari al giorno. Una sezione del rapporto fissa l’attenzione sul tema dell’educazione, rivelando che ad Haiti la totalità delle scuole non ricevono né testi né materiale dallo Stato e solo il 22 per cento delle scuole rurali ha sempre accesso alla corrente elettrica.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

07 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE