Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pace e silenzio

· Un pellegrinaggio civile sul fronte orientale a cento anni dall’inizio della prima guerra mondiale ·

Un progetto inserito tra le celebrazioni per i cento anni dall’inizio della prima guerra mondiale sembra avere colto il senso del rapporto tra azione e riflessione.

Lo scrive Marcello Filotei precisando che se ti lanci in un pellegrinaggio civile articolato in 29 tappe disseminate su quello che fu il fronte orientale hai sicuramente il tempo per pensare. E penserai con più intensità se il percorso passa per trincee, forti e postazioni belliche, in luoghi che hanno visto cadere a migliaia ragazzi che a volte indossavano una divisa diversa ma avevano lo stesso cognome. In Trentino è accaduto anche questo. Quindi il “Pellegrinaggio civile della pace”, che il 29 giugno è partito grazie all’iniziativa della Fondazione Opera Campana dei Caduti di Rovereto, può essere interpretato come avventura spirituale che si può affrontare anche grazie al silenzio, e può aiutare il viaggiatore, il pellegrino, a riflettere sul senso del proprio percorso, della propria vita. Forse anche della morte. Proprio perché si svolge in luoghi dove la distanza tra la vita e la morte era spesso di qualche centimetro.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE