Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Otto giorni di luci

· ​La festa di Chanukkàh ·

Chanukkàh, (חנוכה o חֲנֻכָּה) è una festività ebraica conosciuta anche con il nome di Festa delle luci. La parola chanukkàh letteralmente significa inaugurazione o dedica. Essa rappresenta anche il valore universale della libertà religiosa e delle tradizioni, il coraggio e la vittoria dei pochi contro i molti.

Diversamente dalle principali festività ebraiche, questa non ha origini bibliche, ma deriva da alcuni eventi storici ed è — come Purim — una festa stabilita per decreto rabbinico, vale a dire dopo il dono della Torah. È una festività che si protrae per otto giorni, inizia il venticinquesimo giorno del mese di Kislev, che di solito cade in dicembre — quest’anno la sera del 6 dicembre — e non è un giorno totalmente sacro, infatti generalmente non ci si astiene dal lavoro.

Chanukkàh celebra un fatto avvenuto nel periodo seleucida, nel secondo secolo avanti Cristo, quando i sovrani greci, la stirpe che succedette ad Alessandro il Grande e che si stabilì in Siria, cercarono di forzare gli ebrei della terra di Israele ad adottare alcune pratiche contrarie alla legge ebraica. La peggior decisione fu quella decretata da re Antioco iv, che ordinò la collocazione di una statua nel Tempio di Gerusalemme e la consacrazione di un altare a Zeus.

La battaglia che vi fu tra ebrei e greci fu innanzitutto una battaglia religiosa e culturale.

La rivolta ebraica ebbe inizio nella città di Modi’in, ma raggiunse il suo apice con la riconquista di Gerusalemme e la purificazione del tempio dagli idoli.

Secondo il Libro dei Maccabei la dedicazione del tempio è l’evento principale celebrato da Chanukkàh, ma negli anni a seguire l’evento centrale è diventato l’accensione della Menorah per il significato simbolico a essa connesso.

Nella storia ebraica il periodo degli Asmonei spicca come un tempo di indipendenza politica del popolo ebraico nella Terra di Israele, vale a dire l’unico periodo di indipendenza tra il periodo del primo Tempio e la creazione dello Stato di Israele. Lo stato degli Asmonei è stato per il movimento sionista una fonte di ispirazione in riferimento ai valori di nazionalità moderna, libertà politica, sovranità e coraggio.

La ribellione degli ebrei contro il regime seleucida iniziò nel 167 avanti Cristo e tra i leader della rivolta vi furono appunto gli Asmonei o Maccabei, figli del sommo sacerdote Mattatia. Nel 164, sotto la guida di Giuda Maccabeo, la rivolta raggiunse il culmine, con la liberazione di Gerusalemme e del Tempio dal dominio straniero. L’evento è documentato da alcune fonti storiche scritte alla fine del secondo secolo dopo Cristo.

Secondo la tradizione ebraica, la festa di Chanukkàh fu istituita da Giuda Maccabeo, per ricordare le celebrazioni di purificazione e ridedicazione del Tempio e il miracolo che, secondo la tradizione, avvenne in quei giorni quando i Maccabei cercarono l’olio per accendere il candelabro del Tempio, ma scoprirono che solo una piccola ampolla era rimasta intatta. L’olio contenuto in essa, sufficiente per un solo giorno, bruciò miracolosamente per otto giorni.

Questa festa, quindi ci ricorda il coraggio dimostrato dal popolo ebraico nel voler mantenere la propria fede e le proprie tradizioni e la vittoria dei pochi sui molti. L’insegnamento di questa ricorrenza ha soprattutto un valore universale, perché non solo celebra il legittimo desiderio di indipendenza di un popolo, ma esprime il diritto universale alla libertà, anche religiosa.

di Zion Evrony
Ambasciatore di Israele presso la Santa Sede

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE