Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ottantamila bambini in pericolo

· Espulsi dall’Angola verso la Repubblica Democratica del Congo ·

Controllo dello stato di denutrizione di un bambino in un centro medico a Kananga (Unicef)

Circa 80.000 bambini sono stati espulsi dall’Angola verso la Repubblica Democratica del Congo, insieme a 300.000 adulti, e sono bisognosi di aiuti umanitari. L’allarme è stato lanciato dall’Unicef. I bimbi hanno camminato per chilometri e chilometri esposti alle intemperie, alla fame e al rischio di subire violenze. Hanno un accesso limitato all’acqua potabile e ai servizi sanitari. I rimpatri riguardano in particolare la provincia di Kasai e di Kwango. L’Unicef teme la recrudescenza di epidemie, oltre al fatto che il prezzo dei prodotti di prima necessità è aumentato a dismisura e ciò fa presagire un aumento dei casi di malnutrizione nell’infanzia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE